Ingredienti:

n. 300 fiori di tarassaco (circa 250 gr.)
kg. 1 di zucchero picaflor
n. 1 limone bio
lt. 1 di acqua

Procedimento:

Raccogliete i fiori di tarassaco in terreni non usati per l’agricoltura convenzionale, sfogliate fiore per fiore mettendo i petali in una pentola, quando avrete tolti tutti i petali coprite con l’acqua e portate a bollore leggero, spegnete la fiamma e fate riposare per 1 giorno.

Scolate l’acqua e strizzate benissimo i fiori, aggiungete all’acqua lo zucchero e il limone tagliato a pezzetti, mescolate bene, fate sobbollire il liquido fino ad ottenere la consistenza del miele, ci vorranno all’incirca 3 ore, potete fare la prova se è pronto facendo scivolare qualche goccia su di un piattino o se avete un pesa sciroppi la gradazione esatta è 115 gradi o se prendete qualche goccia tra due dita e aprite e chiudete le dita il filo che si formerà non deve spezzarsi.
Lo sciroppo di tarassaco lo potete usare al posto dello zucchero, per addolcire tisane o su fette di pane  o per panna cotta e budini, inoltre è un ottimo rimedio per il mal’ di gola invernale e tocca sana per il fegato.

 

 

Curiosità:

I fiori strizzati li potete usare per dare un tocco floreale a creme o biscotti, si possono congelare dividendoli in piccole quantità